L’opera di Fernando Arrabal (Melilla, 1932) obbliga lo spettatore/lettore alla riflessione e all’esercizio critico, e lo fa rompendo i tabù e oltrepassando i limiti convenzionali a cui siamo abituati. Spagnolo di nascita, francese d’adozione, Arrabal ha trasformato i confini geografici e le differenze culturali e linguistiche in luoghi e momenti di incontro, rifiutando la chiusura fisica e mentale imposte dalla dittatura franchista e accogliendo, fin dalla fondazione del Movimento Panico (1962), la libertà come unico punto di partenza e di arrivo, tanto nella vita come nella sua opera. Il volume traccia il profilo artistico e umano di un autore che ha fatto della sua esistenza un’opera d’arte e della sua creatività uno strumento di indagine e di liberazione.

Panico! La creazione secondo Fernando Arrabal. La vita e l'opera di un apolide libertario. Con prefazione di Fernando Arrabal

BELLOMI, Paola
2013

Abstract

L’opera di Fernando Arrabal (Melilla, 1932) obbliga lo spettatore/lettore alla riflessione e all’esercizio critico, e lo fa rompendo i tabù e oltrepassando i limiti convenzionali a cui siamo abituati. Spagnolo di nascita, francese d’adozione, Arrabal ha trasformato i confini geografici e le differenze culturali e linguistiche in luoghi e momenti di incontro, rifiutando la chiusura fisica e mentale imposte dalla dittatura franchista e accogliendo, fin dalla fondazione del Movimento Panico (1962), la libertà come unico punto di partenza e di arrivo, tanto nella vita come nella sua opera. Il volume traccia il profilo artistico e umano di un autore che ha fatto della sua esistenza un’opera d’arte e della sua creatività uno strumento di indagine e di liberazione.
9788862744706
Fernando Arrabal; Teatro spagnolo contemporaneo; Movimento Panico; Letteratura di frontiera; Letteratura e cinema; Letteratura e matematica; scacchi; Matematica frattale; Letteratura e animali
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/622951
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact