La biografia di Shams-al Dīn Moḥammad Ḥāfeẓ Shi¬rāzī (1315ca.-1390ca.), il massimo poeta-profeta persiano, cantore del vino e della vita randagia (ren¬dī), cantore della religione dell’amore (mazhab-e ‘eshq), è stata divorata dalla sua opera. Solo poco di lui si può affermare e l’unico sguardo che lo può ormai comprendere è quello delle sciences religieuses. La presente edizione, la prima integrale delle quartine hafeziane con apparato filologico, parte da questo corpus ben delimitato – delimitato, benché esposto a severe questioni di autenticità – per tentare d’inseguirne, nelle profondità anfibologiche, il senso inafferrabile. Dopo l’introduzione sull’autore, il suo contesto storico-religioso e il genere letterario delle quartine (robā‘īyāt), il volume propone per ognuno dei 43 componimenti ritenuti hafeziani la trascrizione in eleganti caratteri nasta‘līq – traslitterati in caratteri naskh e in caratteri latini –, la traduzione interlineare e letteraria in italiano e strumenti di critica testuale a fianco di strumenti ermeneutici. Completa l’opera un commentario fondato su testi intrinsecamente legati al testo hafeziano: principalmente, l’interpretazione grammaticale di Sūdī Bosnevi (?-1598/1601), il Savāneḥ al-‘oshāq (Delle occasioni amorose) di Ajd al-Dīn Abu’l-Fotūḥ Aḥmad Ghazālī (1061ca.-1126), l’Anīs al-Oshāq (Il ma¬nuale del Fedeli d’amore) di Sharaf al-Dīn Rāmī (?-1393), il Golshān-e Raz (Roseto del mistero) di Maḥmūd b. ‘Abd al-Karīm Shabestarī (?-1339ca.). E infine, il tentativo di rompere il «finissimo guscio» delle quartine attraverso i paralleli con la più copiosa produzione dei ghazal del poeta, leggendo così «Hafez con Hafez».

HAFEZ. Le quartine.

SALZANI, Stefano
2013

Abstract

La biografia di Shams-al Dīn Moḥammad Ḥāfeẓ Shi¬rāzī (1315ca.-1390ca.), il massimo poeta-profeta persiano, cantore del vino e della vita randagia (ren¬dī), cantore della religione dell’amore (mazhab-e ‘eshq), è stata divorata dalla sua opera. Solo poco di lui si può affermare e l’unico sguardo che lo può ormai comprendere è quello delle sciences religieuses. La presente edizione, la prima integrale delle quartine hafeziane con apparato filologico, parte da questo corpus ben delimitato – delimitato, benché esposto a severe questioni di autenticità – per tentare d’inseguirne, nelle profondità anfibologiche, il senso inafferrabile. Dopo l’introduzione sull’autore, il suo contesto storico-religioso e il genere letterario delle quartine (robā‘īyāt), il volume propone per ognuno dei 43 componimenti ritenuti hafeziani la trascrizione in eleganti caratteri nasta‘līq – traslitterati in caratteri naskh e in caratteri latini –, la traduzione interlineare e letteraria in italiano e strumenti di critica testuale a fianco di strumenti ermeneutici. Completa l’opera un commentario fondato su testi intrinsecamente legati al testo hafeziano: principalmente, l’interpretazione grammaticale di Sūdī Bosnevi (?-1598/1601), il Savāneḥ al-‘oshāq (Delle occasioni amorose) di Ajd al-Dīn Abu’l-Fotūḥ Aḥmad Ghazālī (1061ca.-1126), l’Anīs al-Oshāq (Il ma¬nuale del Fedeli d’amore) di Sharaf al-Dīn Rāmī (?-1393), il Golshān-e Raz (Roseto del mistero) di Maḥmūd b. ‘Abd al-Karīm Shabestarī (?-1339ca.). E infine, il tentativo di rompere il «finissimo guscio» delle quartine attraverso i paralleli con la più copiosa produzione dei ghazal del poeta, leggendo così «Hafez con Hafez».
9788895925516
Hafez; poesia persiana; mistica persiana
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/622151
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact