Il contributo svolge un approfondito studio dell'atteggiamento dei giudici comuni in merito al divieto di disapplicazione della normativa statale contrastante con la CEDU anche a seguito dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona ed evidenzia le ragioni che portano a sostenere tuttora il modello accentrato di costituzionalità.

I giudici italiani e il divieto di applicazione diretta della Convenzione europea dei diritti dell'uomo dopo il Trattato di Lisbona

CARLOTTO, Ilaria
2013

Abstract

Il contributo svolge un approfondito studio dell'atteggiamento dei giudici comuni in merito al divieto di disapplicazione della normativa statale contrastante con la CEDU anche a seguito dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona ed evidenzia le ragioni che portano a sostenere tuttora il modello accentrato di costituzionalità.
9788863424935
"giudici comuni"; "CEDU"; "Lisbona"; "disapplicazione"
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/583350
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact