La letteratura femminile come mediazione educativa e fonte di sapere pedagogico: pratiche di libertà