La coesistenza di malattia aterosclerotica in differenti distretti vascolari è nota come malattia polivascolare, entità clinica in continuo aumento in parallelo con l’aspettativa di vita. In questo studio abbiamo arruolato 801 pazienti con aterosclerosi combinata coronarica (CAD) e carotidea (COD). In letteratura esistono un gran numero di studi circa il trattamento della patologia aterosclerotica coronarica, un minor numero di informazioni sono disponibili riguardo il trattamento della patologia carotidea e molto poco è noto riguardo i vantaggi della terapia e il follow-up a breve e lungo termine dei pazienti con malattia combinata nei due distretti. I nostri risultati sono stati ottenuti in una popolazione di pazienti anziani con molteplici comorbilità e fattori di rischio cardiovascolari e che, in più del 50% dei casi, presentavano una patologia coronarica multivasale. Lo scopo dello studio è la valutazione a 30 giorni e ad 1 anno degli eventi clinici in pazienti sottoposti a procedure di rivascolarizzazione endovascolare, chirurgica o ibrida (approccio che include entrambi i tipi di trattamento). L’incidenza dell’end-point primario (morte, infarto miocardico, stroke) ad 1 anno è stata del 5.3% per i pazienti chirurgici, 2.3% per gli endovascolari e 7.4% per gli ibridi. Gli eventi inclusi nell’end-point secondario si sono verificati con un’incidenza statisticamente più elevata nei pazienti del gruppo ibrido rispetto a quelli del gruppo chirurgico ed endovascolare, soprattutto sanguinamenti maggiori (22.3 % vs 2% del gruppo endovascolare e 6.4% nel gruppo chirurgico) con una p< 0.001. I pazienti inclusi nel gruppo ibrido hanno mostrato una sopravvivenza libera da eventi ad 1 anno statisticamente più elevata rispetto ai pazienti del gruppo chirurgico ed ibrido ((96.7 ± 1.6, 91.0 ± 1.7 and 94.6 ± 1.6 rispettivamente). I trattamenti endovascolare e chirurgico garantiscono buoni risultati immediati e a lungo termine. Tuttavia, i buoni risultati ottenuti con la terapia endovascolare suggeriscono che questo approccio potrebbe essere particolarmente adatto in pazienti complessi e ad alto rischio chirurgico.

The co-existence of atherosclerosis in different vascular districts is known as polivascular disease, a pathological condition that continues to expand in parallel with life expectancy. In this study we have enrolled 949 patients with coronary artery disease (CAD) and concomitant carotid obstructive disease (COD). A large body of evidence is available regarding the treatment of patient with CAD, less information has been obtained from patients with COD and very little is known about the advantages, shortcomings, and long term outcomes of patients having concomitant CAD and COD. Our results were obtained in a population of old patients with several comorbidities and cardiovascular risk factors with a coronary multivessel disease in more than 50%. The aim of this study is to asses the 30-day and 1-year clinical outcome of endovascular, surgical and hybrid (approach that includes both form of treatment) revascularization procedures. The incidence of the primary end-point (1-year death, myocardial infarction, stroke) was 5.3% for the surgical group, 2.3% for the endovascular group and 7.4% for the hybrid group. Events included in the secondary end-points were statistically much higher in the hybrid group than in the surgical and endovascular groups, particularly major bleeding (22.3% vs 2% in the endovascular groups and 6.4% in the surgical groups) p<0.001. Patients included in the hybrid group had the higher event-free 1 year survival with a significant statistical difference between the surgical and the endovascular groups (96.7 ± 1.6, 91.0 ± 1.7 and 94.6 ± 1.6 respectively). Surgical and endovascular treatments yield good immediate and long-term results. However, the good results of the endovascular strategy suggest that this approach may be particularly suited to complex patients at high surgical risk.

Strategie combinate di rivascolarizzazione cardiaca e periferica.Il progetto FRIENDS.

SPARTA', Daniela
2013

Abstract

La coesistenza di malattia aterosclerotica in differenti distretti vascolari è nota come malattia polivascolare, entità clinica in continuo aumento in parallelo con l’aspettativa di vita. In questo studio abbiamo arruolato 801 pazienti con aterosclerosi combinata coronarica (CAD) e carotidea (COD). In letteratura esistono un gran numero di studi circa il trattamento della patologia aterosclerotica coronarica, un minor numero di informazioni sono disponibili riguardo il trattamento della patologia carotidea e molto poco è noto riguardo i vantaggi della terapia e il follow-up a breve e lungo termine dei pazienti con malattia combinata nei due distretti. I nostri risultati sono stati ottenuti in una popolazione di pazienti anziani con molteplici comorbilità e fattori di rischio cardiovascolari e che, in più del 50% dei casi, presentavano una patologia coronarica multivasale. Lo scopo dello studio è la valutazione a 30 giorni e ad 1 anno degli eventi clinici in pazienti sottoposti a procedure di rivascolarizzazione endovascolare, chirurgica o ibrida (approccio che include entrambi i tipi di trattamento). L’incidenza dell’end-point primario (morte, infarto miocardico, stroke) ad 1 anno è stata del 5.3% per i pazienti chirurgici, 2.3% per gli endovascolari e 7.4% per gli ibridi. Gli eventi inclusi nell’end-point secondario si sono verificati con un’incidenza statisticamente più elevata nei pazienti del gruppo ibrido rispetto a quelli del gruppo chirurgico ed endovascolare, soprattutto sanguinamenti maggiori (22.3 % vs 2% del gruppo endovascolare e 6.4% nel gruppo chirurgico) con una p< 0.001. I pazienti inclusi nel gruppo ibrido hanno mostrato una sopravvivenza libera da eventi ad 1 anno statisticamente più elevata rispetto ai pazienti del gruppo chirurgico ed ibrido ((96.7 ± 1.6, 91.0 ± 1.7 and 94.6 ± 1.6 rispettivamente). I trattamenti endovascolare e chirurgico garantiscono buoni risultati immediati e a lungo termine. Tuttavia, i buoni risultati ottenuti con la terapia endovascolare suggeriscono che questo approccio potrebbe essere particolarmente adatto in pazienti complessi e ad alto rischio chirurgico.
aterosclerosi; carotid artery stenosis
The co-existence of atherosclerosis in different vascular districts is known as polivascular disease, a pathological condition that continues to expand in parallel with life expectancy. In this study we have enrolled 949 patients with coronary artery disease (CAD) and concomitant carotid obstructive disease (COD). A large body of evidence is available regarding the treatment of patient with CAD, less information has been obtained from patients with COD and very little is known about the advantages, shortcomings, and long term outcomes of patients having concomitant CAD and COD. Our results were obtained in a population of old patients with several comorbidities and cardiovascular risk factors with a coronary multivessel disease in more than 50%. The aim of this study is to asses the 30-day and 1-year clinical outcome of endovascular, surgical and hybrid (approach that includes both form of treatment) revascularization procedures. The incidence of the primary end-point (1-year death, myocardial infarction, stroke) was 5.3% for the surgical group, 2.3% for the endovascular group and 7.4% for the hybrid group. Events included in the secondary end-points were statistically much higher in the hybrid group than in the surgical and endovascular groups, particularly major bleeding (22.3% vs 2% in the endovascular groups and 6.4% in the surgical groups) p<0.001. Patients included in the hybrid group had the higher event-free 1 year survival with a significant statistical difference between the surgical and the endovascular groups (96.7 ± 1.6, 91.0 ± 1.7 and 94.6 ± 1.6 respectively). Surgical and endovascular treatments yield good immediate and long-term results. However, the good results of the endovascular strategy suggest that this approach may be particularly suited to complex patients at high surgical risk.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
tesi dottorato.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 1.35 MB
Formato Adobe PDF
1.35 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/554953
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact