Danno d'organo subclinico in soggetti a basso rischio cardiovascolare