Autonomia e identità nei rapporti di Platea con Atene, Tebe e Sparta