Le giornate di studio, di cui si pubblicano gli Atti, intendevano approfondire alcune tematiche come il rapporto fra tradizione e innovazione, le relazioni del teatro di figura con altri linguaggi artistici, l’incidenza dell’idea di marionetta sulla concezione dei personaggi di certa drammaturgia primonovecentesca o nuova figura di performer auspicata dai riteatralizzatori e dalle avanguardie. Accanto a interventi che testimoniano la persistente vitalità artistica nella contemporaneità del teatro di figura nelle sue modalità “all’antica”, si sono cercati contributi che, aprendo a dimensioni etiche ed estetiche di straordinario fascino e novità, evidenziassero anche la pluralità linguistica propria del teatro di figura del secondo Novecento. Ne è nato un testo che, nell’indagare l’ideale contemporaneo di un “marionettismo” integrale – cioè di un teatro puro e perfetto perché affidato al protagonismo di simulacri mobili e congegni meccanici (o di performer che sappiano farsene il vivente corrispettivo) –, si propone di instillare interesse e amore, per il mondo meraviglioso degli attori di pezza, di legno e d’ombra.

Teatri di figura. La poesia di burattini e marionette fra tradizione e sperimentazione. Atti del convegno internazionale di studi (Verona, 22-24 novembre 2012)

BRUNETTI, SIMONA;PASQUALICCHIO, Nicola
2014

Abstract

Le giornate di studio, di cui si pubblicano gli Atti, intendevano approfondire alcune tematiche come il rapporto fra tradizione e innovazione, le relazioni del teatro di figura con altri linguaggi artistici, l’incidenza dell’idea di marionetta sulla concezione dei personaggi di certa drammaturgia primonovecentesca o nuova figura di performer auspicata dai riteatralizzatori e dalle avanguardie. Accanto a interventi che testimoniano la persistente vitalità artistica nella contemporaneità del teatro di figura nelle sue modalità “all’antica”, si sono cercati contributi che, aprendo a dimensioni etiche ed estetiche di straordinario fascino e novità, evidenziassero anche la pluralità linguistica propria del teatro di figura del secondo Novecento. Ne è nato un testo che, nell’indagare l’ideale contemporaneo di un “marionettismo” integrale – cioè di un teatro puro e perfetto perché affidato al protagonismo di simulacri mobili e congegni meccanici (o di performer che sappiano farsene il vivente corrispettivo) –, si propone di instillare interesse e amore, per il mondo meraviglioso degli attori di pezza, di legno e d’ombra.
9788874703371
Marionette; Burattini; Ombre
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/518549
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact