Nella scheda è analizzata la tomba di M. Corner (m. 1368), eletto doge di Venezia nel 1365; si ripercorre la storia della committenza e la questione della datazione del monumento, si presenta la tipologia funeraria innovativa e si mette a fuoco il problema attributivo che ha alla base una ormai consolidata tradizione di studi. Le cinque statue, in marmo di Carrara, del sepolcro furono scolpite da Nino Pisano a Pisa e da lì spedite a Venezia; arrivate a destinazione le figure furono inserite in un'edicola in pietra d'Istria realizzata da lapicidi lagunari (ambito di Andriolo de' Santi) e collocate sopra il sarcofago col gisant, anche questo di fattura locale.

Monumento funebre del doge Marco Corner

D'AMBROSIO, Silvia
2012

Abstract

Nella scheda è analizzata la tomba di M. Corner (m. 1368), eletto doge di Venezia nel 1365; si ripercorre la storia della committenza e la questione della datazione del monumento, si presenta la tipologia funeraria innovativa e si mette a fuoco il problema attributivo che ha alla base una ormai consolidata tradizione di studi. Le cinque statue, in marmo di Carrara, del sepolcro furono scolpite da Nino Pisano a Pisa e da lì spedite a Venezia; arrivate a destinazione le figure furono inserite in un'edicola in pietra d'Istria realizzata da lapicidi lagunari (ambito di Andriolo de' Santi) e collocate sopra il sarcofago col gisant, anche questo di fattura locale.
9788865121108
Tombe dei dogi; Santi Giovanni e Paolo; Venezia; Nino Pisano; Andriolo de' Santi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/508749
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact