Si esamina la concezione della pena in Hegel , dimostrando come, contrariamente alla visione consolidata, non sia ascrivibile al modello retributivo, di cui fornisce piuttosto una articolata critica.

Hegel come critico della retribuzione

FUSELLI, Stefano
2004

Abstract

Si esamina la concezione della pena in Hegel , dimostrando come, contrariamente alla visione consolidata, non sia ascrivibile al modello retributivo, di cui fornisce piuttosto una articolata critica.
8813250754
Pena; Retribuzionismo; Hegel; Contraddizione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/500950
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact