Analisi della poesia A mí sería grave cosa de Pero González de Mendoza (s. XIV) nella quale l'autore, nobile cavaliere cristiano, professa l'impossibilità di amare una ebrea e di vivere nella judería, spazio chiuso, contrapposta agli usi e i costumi di vita del cavaliere.

Leyendo [ID2796] “A mí sería grave cosa” de Pedro González de Mendoza: el mono-debate del caballero

ZINATO, Andrea
2013

Abstract

Analisi della poesia A mí sería grave cosa de Pero González de Mendoza (s. XIV) nella quale l'autore, nobile cavaliere cristiano, professa l'impossibilità di amare una ebrea e di vivere nella judería, spazio chiuso, contrapposta agli usi e i costumi di vita del cavaliere.
9788862744973
Letteratura medievale spagnola; Poesía de Cancionero; Pero González de Mendoza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/499749
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact