Per approfondire alcuni momenti della vita teatrale di Tommaso Salvini (Milano 1829 - Firenze 1915), «grande attore» del secondo Ottocento, può essere utile rifarsi ai suoi Ricordi, aneddoti ed impressioni e alle lettere conservate nel Fondo Salvini presso il Museo-Biblioteca dell’Attore di Genova. Sono analizzate le lettere degli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, quando il Salvini stava compiendo lunghe tournées in Italia e all’estero. I corrispondenti erano soprattutto scrittori (il poeta inglese Robert Browning, l’americano Henry Wadsworth Longfellow, il francese Victor Hugo), autori drammatici (Paolo Giacometti e James Mortimer) e attori (Henry Irving ed Ernesto Rossi).

Tommaso Salvini tra lettere e ricordi autobografici

CAPPELLARI, Simona
2011

Abstract

Per approfondire alcuni momenti della vita teatrale di Tommaso Salvini (Milano 1829 - Firenze 1915), «grande attore» del secondo Ottocento, può essere utile rifarsi ai suoi Ricordi, aneddoti ed impressioni e alle lettere conservate nel Fondo Salvini presso il Museo-Biblioteca dell’Attore di Genova. Sono analizzate le lettere degli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, quando il Salvini stava compiendo lunghe tournées in Italia e all’estero. I corrispondenti erano soprattutto scrittori (il poeta inglese Robert Browning, l’americano Henry Wadsworth Longfellow, il francese Victor Hugo), autori drammatici (Paolo Giacometti e James Mortimer) e attori (Henry Irving ed Ernesto Rossi).
9788846729934
Tommaso Salvini; teatro; ricordi autobiografici; lettere
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/478400
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact