Nel contributo si indica nell'opera di Sepúlveda, che è fra le fonti più importanti della diffusissima lettera antierasmiana di Alberto Pio, una delle origini del pensiero che in Italia ha tolto all’ironia erasmiana, incarnata nell’Elogio della Follia e nei Colloquia, quel valore positivo che, salvo rare eccezioni, le è stato riconosciuto solo nel Novecento. Non si trattava di un’ironia vuota e distruttiva, ma una strategia retorica pienamente umanistica che superava la scolastica e che per Erasmo poteva far intravedere la verità, anche quella evangelica, attraverso il fuoco del riso: ridens vera dicit, vera dicendo ridet, indicando tuttavia una prospettiva di piena libertà intellettuale che non poteva incontrare i favori né dei luterani né dei cattolici.

L'eretica ironia

FORNER, Fabio
2012

Abstract

Nel contributo si indica nell'opera di Sepúlveda, che è fra le fonti più importanti della diffusissima lettera antierasmiana di Alberto Pio, una delle origini del pensiero che in Italia ha tolto all’ironia erasmiana, incarnata nell’Elogio della Follia e nei Colloquia, quel valore positivo che, salvo rare eccezioni, le è stato riconosciuto solo nel Novecento. Non si trattava di un’ironia vuota e distruttiva, ma una strategia retorica pienamente umanistica che superava la scolastica e che per Erasmo poteva far intravedere la verità, anche quella evangelica, attraverso il fuoco del riso: ridens vera dicit, vera dicendo ridet, indicando tuttavia una prospettiva di piena libertà intellettuale che non poteva incontrare i favori né dei luterani né dei cattolici.
9788863724370
Erasmo da Rotterdam; Letteratura italiana; Ironia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/477556
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact