Copia, pastiche, evocazione? Su un esercizio giovanile di Federico Cervelli