Il "lungo viaggio" di Guido Piovene nell'Italia fascista