La storiografia letteraria: Giammaria Mazzuchelli, il «sogno di una cosa»