"Cose orride talvolta". A proposito di "Suo marito" di Luigi Pirandello