Perché (ri)leggere "Fede e bellezza"? Fortuna e sfortuna di un classico mancato della letteratura italiana