"Fede e bellezza" nel giudizio di alcuni scrittori otto-novecenteschi