Dopo aver effettuato la ricognizione delle principali teorie che hanno qualificato gli amministratori di società per azioni, l'autore ritiene che una rappresentazione più completa di questa complessa figura possa derivare solo dalla considerazione della molteplicità dei suoi elementi tipologici. All’esito dell’approfondimento dei predetti elementi, compiuto alla luce delle previsioni del codice civile, il «lavoro» e la «funzione» risultano le componenti tipologiche che maggiormente caratterizzano gli amministratori di società e che sintetizzano in maniera adeguata la commistione, in essi rinvenibile, tra i profili giuslavoristici e quelli giuscommercialistici. Per quanto riguarda i profili lavoristici, gli elementi tipologici della figura degli amministratori di società per azioni riconducono il rapporto di lavoro di tali soggetti alle collaborazioni c.d. parasubordinate ex art. 409, n. 3, del codice di procedura civile. Viene altresì esaminata la questione della cumulabilità in capo alla stessa persona della funzione di amministrazione di società con la condizione di lavoratore subordinato, individuando soluzioni alternative a quella del cumulo.

Lavoro e funzione negli amministratori di società per azioni

PILATI, Andrea
2012

Abstract

Dopo aver effettuato la ricognizione delle principali teorie che hanno qualificato gli amministratori di società per azioni, l'autore ritiene che una rappresentazione più completa di questa complessa figura possa derivare solo dalla considerazione della molteplicità dei suoi elementi tipologici. All’esito dell’approfondimento dei predetti elementi, compiuto alla luce delle previsioni del codice civile, il «lavoro» e la «funzione» risultano le componenti tipologiche che maggiormente caratterizzano gli amministratori di società e che sintetizzano in maniera adeguata la commistione, in essi rinvenibile, tra i profili giuslavoristici e quelli giuscommercialistici. Per quanto riguarda i profili lavoristici, gli elementi tipologici della figura degli amministratori di società per azioni riconducono il rapporto di lavoro di tali soggetti alle collaborazioni c.d. parasubordinate ex art. 409, n. 3, del codice di procedura civile. Viene altresì esaminata la questione della cumulabilità in capo alla stessa persona della funzione di amministrazione di società con la condizione di lavoratore subordinato, individuando soluzioni alternative a quella del cumulo.
9788849525212
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2012-monografia.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 1.27 MB
Formato Adobe PDF
1.27 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/473521
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact