Se in Nietzsche l’oltreuomo è qualcosa che non c’è ancora e che permane aristocraticamente incommensurabile rispetto all’uomo presente, così come il fulmine rispetto alla nuvola, per Scheler invece questa eccedenza è rintracciabile in ogni uomo: non si ha a che fare con un passaggio netto, ma con un processo educativo graduale. L’uomo in Scheler deve essere accettato per quello che è già adesso. L’eccedenza lo abita già: l’eccedenza è l’uomo stesso, non qualcosa che ha un fine oltre l’uomo. Se Nietzsche mette un filo spinato fra l’uomo e l’oltreuomo, Scheler ritiene che ogni uomo possa compiere dentro di sé quel passaggio che in Nietzsche invece rimaneva escluso.

L’uomo come eccedenza. Nietzsche e l’antropologia filosofica di Max Scheler

CUSINATO, Guido
2002

Abstract

Se in Nietzsche l’oltreuomo è qualcosa che non c’è ancora e che permane aristocraticamente incommensurabile rispetto all’uomo presente, così come il fulmine rispetto alla nuvola, per Scheler invece questa eccedenza è rintracciabile in ogni uomo: non si ha a che fare con un passaggio netto, ma con un processo educativo graduale. L’uomo in Scheler deve essere accettato per quello che è già adesso. L’eccedenza lo abita già: l’eccedenza è l’uomo stesso, non qualcosa che ha un fine oltre l’uomo. Se Nietzsche mette un filo spinato fra l’uomo e l’oltreuomo, Scheler ritiene che ogni uomo possa compiere dentro di sé quel passaggio che in Nietzsche invece rimaneva escluso.
8843021028
Nietzsche; Übermensch; Scheler; Allmensch; Ausgleich
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/473511
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact