Opsis e lexis: per una interpretazione aristotelica del dramma