In questo libro, Silvano Tommasoli traccia il racconto di una visione comune tra arte, fotografia e letteratura nel ‘900, raccontando la straordinaria esperienza artistica di Filippo e Fausto Tommasoli. Affrancati culturalmente dal mezzo di espressione artistica prescelto, Filippo e Fausto Tommasoli materializzano sulla lastra fotografica le loro utopie e l’elaborazione visuale delle loro emozioni, che raccontano il legame, indissolubile, tra il soggetto e i due inseparabili Autori del Novecento. Nella grande sala di posa del loro studio fotografico – che diventa uno straordinario palcoscenico – dirigono famosi attori del cinema, musicisti, persone comuni e oggetti inanimati nell’interpretazione di un copione, secondo una sceneggiatura scritta dai loro sogni. I racconti scorrono, a volte molto tormentati, nelle anse delle metafore narrative più audaci, sempre guidati dalla stella polare della Storia dell’arte e della letteratura. Ne risulta una concezione di arte a tutto tondo, dove il mezzo espressivo che hanno scelto, la fotografia appunto, ha solo il significato etimologico di medium, di tramite tra l’artista e il fruitore della sua opera. Ma se il medium è la luce, lo sono anche gli occhi degli Artisti, felici di questa loro potenza visionaria

Filippo e Fausto Tommasoli, la fotografia e la parola.Assonanze tematiche tra fotografia, arte e letteratura nel ‘900

TOMMASOLI, Silvano
2011

Abstract

In questo libro, Silvano Tommasoli traccia il racconto di una visione comune tra arte, fotografia e letteratura nel ‘900, raccontando la straordinaria esperienza artistica di Filippo e Fausto Tommasoli. Affrancati culturalmente dal mezzo di espressione artistica prescelto, Filippo e Fausto Tommasoli materializzano sulla lastra fotografica le loro utopie e l’elaborazione visuale delle loro emozioni, che raccontano il legame, indissolubile, tra il soggetto e i due inseparabili Autori del Novecento. Nella grande sala di posa del loro studio fotografico – che diventa uno straordinario palcoscenico – dirigono famosi attori del cinema, musicisti, persone comuni e oggetti inanimati nell’interpretazione di un copione, secondo una sceneggiatura scritta dai loro sogni. I racconti scorrono, a volte molto tormentati, nelle anse delle metafore narrative più audaci, sempre guidati dalla stella polare della Storia dell’arte e della letteratura. Ne risulta una concezione di arte a tutto tondo, dove il mezzo espressivo che hanno scelto, la fotografia appunto, ha solo il significato etimologico di medium, di tramite tra l’artista e il fruitore della sua opera. Ma se il medium è la luce, lo sono anche gli occhi degli Artisti, felici di questa loro potenza visionaria
9788864641034
Fotografia; arte; letterarura
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
T- Copertina.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 794.19 kB
Formato Adobe PDF
794.19 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/433942
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact