Memoria e oblio nel "Forse che sì, forse che no" e in "Vaghe stelle dell'orsa"