In margine ad una lirica dannunziana tradotta da Paul Heyse