Note arendtiane alla caverna di Platone