Giovanni Mansionario nella cultura veronese del Trecento