La problematica 'de viris illustribus' nel Quattrocento siciliano