Equivalenti o inconciliabili? Su alcuni sviluppi recenti della linguistica trasformazionale