Cambiare lo sguardo: la classe come gruppo