Solo negli ultimi anni si è fatta chiara la percezione della biodiversità come un bene economico da valutare in sé. La valutazione della biodiversità riguarda il valore intrinseco delle risorse ed i servizi ad essa legati (principi attivi, controllo dell’erosione, stoccaggio di CO2, benessere fisico e spirituale, processi biologici che assicurano l’evoluzione della vita e degli ecosistemi) e di conseguenza i benefici che può trarne l’uomo. Tra questi benefici devono essere inclusi quelli realizzabili attraverso le accessioni presenti nelle collezioni ex situ del germoplasma. Un altro aspetto della valutazione ha come oggetto i danni provocati ll’ambiente e all’uomo quando lo stock di biodiversità (ed i servizi che da essa si originano) viene compromesso da scelte economiche basate sui soli meccanismi di mercato e/o da politiche errate o dall’assenza di politiche di tutela. Dal punto di vista della conservazione ex situ tali costi sono ascrivibili alle trasformazioni del territorio che provocano perdite di biodiversità prima che questa venga conosciuta e conservata, o si configurano come costi del non-intervento, ossia la mancata realizzazione di azioni di conservazione.

Economia della Conservazione della Biodiversità Ex-Situ

VERONESI, Marcella
2010

Abstract

Solo negli ultimi anni si è fatta chiara la percezione della biodiversità come un bene economico da valutare in sé. La valutazione della biodiversità riguarda il valore intrinseco delle risorse ed i servizi ad essa legati (principi attivi, controllo dell’erosione, stoccaggio di CO2, benessere fisico e spirituale, processi biologici che assicurano l’evoluzione della vita e degli ecosistemi) e di conseguenza i benefici che può trarne l’uomo. Tra questi benefici devono essere inclusi quelli realizzabili attraverso le accessioni presenti nelle collezioni ex situ del germoplasma. Un altro aspetto della valutazione ha come oggetto i danni provocati ll’ambiente e all’uomo quando lo stock di biodiversità (ed i servizi che da essa si originano) viene compromesso da scelte economiche basate sui soli meccanismi di mercato e/o da politiche errate o dall’assenza di politiche di tutela. Dal punto di vista della conservazione ex situ tali costi sono ascrivibili alle trasformazioni del territorio che provocano perdite di biodiversità prima che questa venga conosciuta e conservata, o si configurano come costi del non-intervento, ossia la mancata realizzazione di azioni di conservazione.
9788844804169
biodiversità; conservazione; ex-situ
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/389935
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact