Andrea Alciato, uno dei più grandi giuristi del XVI secolo, si cimentò anche nella scrittura di opere letterarie; tra esse la commedia, di intonazione aristofanea, «Philargyrus», nella quale descrive in trimetri giambici, in IV atti, le peripezie del protagonista, che, avarissimo, in punto di morte intende far testamento a proprio favore e che, una volta deceduto, non riesce a farsi traghettare da Caronte oltre lo Stige per il rifiuto di pagare l'obolo prescritto. Peraltro i suoi eredi litigano per l'eredità, prima di capire che un arbitrato amichevole è di gran lunga preferibile alle spese e ai rischi di un processo ed accettare tale ragionevole soluzione.

Diritto e letteratura in una commedia inedita di Andrea Alciato: il «Philargyrus»

ROSSI, Giovanni
2011

Abstract

Andrea Alciato, uno dei più grandi giuristi del XVI secolo, si cimentò anche nella scrittura di opere letterarie; tra esse la commedia, di intonazione aristofanea, «Philargyrus», nella quale descrive in trimetri giambici, in IV atti, le peripezie del protagonista, che, avarissimo, in punto di morte intende far testamento a proprio favore e che, una volta deceduto, non riesce a farsi traghettare da Caronte oltre lo Stige per il rifiuto di pagare l'obolo prescritto. Peraltro i suoi eredi litigano per l'eredità, prima di capire che un arbitrato amichevole è di gran lunga preferibile alle spese e ai rischi di un processo ed accettare tale ragionevole soluzione.
9788895994680
Andrea Alciato; «Philargyrus»; umanesimo giuridico; commedia umanistica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/389488
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact