Il saggio propone casi di committenza urbana privata coll'intento di individare i principali motivi che spingevano e mecenati veronesi ad investire in edilizia di prestigio nel Cinquecento. La ricerca evidenzia come l'imperativo morale del patriziato urbano fosse la ricerca della gloria del proprio casato, della visibilità e del prestigio familiare e di compiere il proprio dovere verso la comunità. Tra i vari mezzi per ottenere tali obiettivi c'era anche la costruzione di palazzi prestigiosi. La scelta poteva rivelarsi assai utile anche come investimento e come manifestazione tangibile di solidità e di ricchezza.

Edilizia di prestigio: casi di committenza a Verona nel Rinascimento

FERRARI, Maria Luisa
2011

Abstract

Il saggio propone casi di committenza urbana privata coll'intento di individare i principali motivi che spingevano e mecenati veronesi ad investire in edilizia di prestigio nel Cinquecento. La ricerca evidenzia come l'imperativo morale del patriziato urbano fosse la ricerca della gloria del proprio casato, della visibilità e del prestigio familiare e di compiere il proprio dovere verso la comunità. Tra i vari mezzi per ottenere tali obiettivi c'era anche la costruzione di palazzi prestigiosi. La scelta poteva rivelarsi assai utile anche come investimento e come manifestazione tangibile di solidità e di ricchezza.
9788876674174
Mecenatismo; Storia della nobiltà; Verona; XVI secolo; Veneto
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/375029
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact