«I ribelli della montagna». Lettura di un apocrifo salgariano