Il «Bovo d'Antona» tra epica e romanzo