Nel 1526 Antonio da Sangallo il Giovane si recò in Romagna inviato da papa Clemente VII, alla vigilia del Sacco di Roma, per aggiornare le fortificazioni rispetto alle nuove tecniche belliche; al contempo l'architetto rilevò anche i principali monumenti dell'antichità romana. Dopo un accurata analisi storica del periodo e del contesto, vengono presi in esame circa quaranta fogli conservati agli Uffizi, disegni di Antonio il Giovane o della sua cerchia, relativi a Ravenna, Rimini, Cervia, Cesena, Faenza, e fornite notizie relative anche alle disperse carte su Forlì e Imola.

1526 Antonio da Sangallo il Giovane in Romagna; rilievi di fortificazioni e monumenti antichi romagnoli di Antonio da Sangallo il Giovane e della sua cerchia al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi

ZAVATTA, Giulio
2008-01-01

Abstract

Nel 1526 Antonio da Sangallo il Giovane si recò in Romagna inviato da papa Clemente VII, alla vigilia del Sacco di Roma, per aggiornare le fortificazioni rispetto alle nuove tecniche belliche; al contempo l'architetto rilevò anche i principali monumenti dell'antichità romana. Dopo un accurata analisi storica del periodo e del contesto, vengono presi in esame circa quaranta fogli conservati agli Uffizi, disegni di Antonio il Giovane o della sua cerchia, relativi a Ravenna, Rimini, Cervia, Cesena, Faenza, e fornite notizie relative anche alle disperse carte su Forlì e Imola.
9788887930351
Antonio da Sangallo il Giovane; Michele Sanmicheli; Romagna; fortificazioni
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/347405
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact