Ricordando sergio Cotta: il rispondere nella coesistenza indigente di verità