Democrazia diretta e tutela delle minoranze: due concetti inconciliabili?