«È morta la Repubblica e l’uguaglianza è gita». Voci dal Piemonte in rivoluzione