Sul rapporto tra infinito, physis ed ethos in alcuni momenti della filosofia moderna