Introduzione:Si stima che quasi il 40% delle nuove diagnosi di infezione da HIV descritte nel 2008 nei paesi dell’Unione Europea, sia da attribuire agli MSM, dove un costante trend in crescita nel numero di infezioni è stato registrato nell’ultimo decennio. L’ottenimento di dati sulla prevalenza di HIV in questa popolazione ad alto rischio è di cruciale importanza per lo sviluppo e la realizzazione di adeguati  programmi di prevenzione e di controllo. L’utilizzo del fluido orale, a tale scopo appare un’utile strategia alternativa al prelievo ematico per la  ricerca di anticorpi anti-HIV in ambito epidemiologico. Scopo:Questo studio, a cui hanno preso parte sette paesi dell’Unione Europea, si propone: i) di validare un test immunoenzimatico di terza generazione per l’utilizzo di campioni di fluido orale da pazienti con stato sierologico noto per HIV ii) di stimare la prevalenza dell’infezione da HIV tra gli MSM, provenienti da paesi dell’Sud-Est Europa attraverso un vasto campionamento di fluido orale.Metodi:Nella fase di validazione  263 campioni di siero e di fluido orale da  pazienti HIV positivi e 235 campioni da soggetti sieronegativi sono stati analizzati  con il test Genscreen HIV-1/2 versione 2 (BIO-RAD). La procedura è stata adattata ai campioni di fluido orale attraverso la determinazione di un valore di cut-off specifico.Abbiamo  quindi realizzato una survey-multicentrica nel periodo tra Aprile 2008 e Settembre 2009, arruolando 2688 MSM che hanno accettato di fornire campioni di fluido orale per la ricerca di anticorpi anti-HIV.Di tutti i campioni di fluido orale è stata valutata la concentrazione di IgG totali e 3.5 mg/L sono stati considerati sufficienti per procedere ai tests successivi. Tutti i campioni sono stati analizzati con test EIA e i casi positivi sono stati  sottoposti a conferma con un test rapido immunocromatografico e/o con Western Blot. Risultati:Lo studio di validazione ha evidenziato una completa concordanza tra i campioni di fluido orale e i rispettivi sieri, eccetto che per 4 campioni provenienti da pazienti sieropositivi. Il test EIA Genscreen eseguito su campioni di fluido orale, ha pertanto dimostrato una sensibilità del 98.5% e una specificità del 100% rispetto al siero.Il valore di cut-off calcolato sui controlli del fluido orale  è risultato coincidente col cut-off dei sieri di controllo (media±5DS; 0.2).Ai fini della valutazione statistica di prevalenza della survey, 2535 sono stati i campioni di fluido orale considerati validi. La stima complessiva dell’infezione da HIV tra gli MSM è stata di 196/2535 (7.7%). In particolare i paesi del Sud Europa hanno mostrato una differenza staticamente significativa nella prevalenza dell’ infezione da HIV rispetto ai paesi dell’Est  Europa (12.3% vs 4.4%; p<0.001).Conclusioni:I nostri dati dimostrano che EIA Genscreen condotto sul fluido orale è un test idoneo per la sorveglianza epidemiologica dell’infezione da HIV.L’alta prevalenza di infezione da HIV riscontrata tra gli MSM indica la necessità di un potenziamento delle misure preventive e di controllo dell’epidemia.

Background:MSM account for nearly 40% of all newly diagnosed HIV infections reported in EU in 2008. Since MSM continue to bear a high burden of HIV infection, surveillance data on HIV prevalence among this high risk population are essential for the development and evaluation of HIV control initiatives. The use of oral fluid (OF) has been suggested as an attractive alternative strategy to HIV blood testing for field collection in outreach settings.Objective:This study, involving the participation of seven European countries, was designed primarily to validate a third generation EIA on OF samples from subjects with known HIV serological status and secondly to conduct a European survey for HIV prevalence estimation among MSM from Southern and Eastern countries by means of non-invasive OF sample collection.Methods:On validation study, matched serum and OF samples were collected from both HIV seropositive patients (n=263) and healthy controls (n=235). All samples were analyzed by using Genscreen HIV-1/2 version 2 (BIO-RAD), and procedure was adapted for OF testing by cut-off calculation. A cross sectional-survey was carried out between April 2008 and September 2009, among 2688 MSM accepting to provide OF specimens for HIV antibody testing. A  total IgG quantification test was also performed to ensure that the OF found negative after testing was taken properly.All OF samples were examined using EIA testing and those recording positive EIA results were analyzed for confirmation by a rapid immunocromatographic assay and/or Western Blot. Results: On validation study, all OF sample from HIV positive patients except for 4 samples were positively concordant with serum, whereas a total concordance was found among negative volunteers. This resulted in a sensitivity of 98.5% and a specificity of 100%, when EIA Genscreen was performed on OF samples. We found that cut-off values based on the control sera were also suitable for OF testing (mean±5SD; 0.2). In the multicenter survey, 2535 OF specimens were considered valid for the data analysis. Overall prevalence of antibody to HIV among MSM was 196/2535 (7.7%). A statistically significant difference in HIV prevalence was found between Southern and Eastern European countries (12.3% vs 4.4%; p<0.001).Conclusion: This data indicates that oral fluid based testing is a reliable tool for epidemiological surveillance of HIV infection. High HIV prevalence found among MSM suggests the need for implementation in prevention strategies to control epidemic.

HIV-1/2 prevalence among MSM (men who have sex with men) in Eastern and Southern Europe: non invasive oral fluid testing as a tool for surveillance among hard-to-reach groups (reference lab for European Project Sialon p.n. 101046).

COATO, Paola
2010

Abstract

Introduzione:Si stima che quasi il 40% delle nuove diagnosi di infezione da HIV descritte nel 2008 nei paesi dell’Unione Europea, sia da attribuire agli MSM, dove un costante trend in crescita nel numero di infezioni è stato registrato nell’ultimo decennio. L’ottenimento di dati sulla prevalenza di HIV in questa popolazione ad alto rischio è di cruciale importanza per lo sviluppo e la realizzazione di adeguati  programmi di prevenzione e di controllo. L’utilizzo del fluido orale, a tale scopo appare un’utile strategia alternativa al prelievo ematico per la  ricerca di anticorpi anti-HIV in ambito epidemiologico. Scopo:Questo studio, a cui hanno preso parte sette paesi dell’Unione Europea, si propone: i) di validare un test immunoenzimatico di terza generazione per l’utilizzo di campioni di fluido orale da pazienti con stato sierologico noto per HIV ii) di stimare la prevalenza dell’infezione da HIV tra gli MSM, provenienti da paesi dell’Sud-Est Europa attraverso un vasto campionamento di fluido orale.Metodi:Nella fase di validazione  263 campioni di siero e di fluido orale da  pazienti HIV positivi e 235 campioni da soggetti sieronegativi sono stati analizzati  con il test Genscreen HIV-1/2 versione 2 (BIO-RAD). La procedura è stata adattata ai campioni di fluido orale attraverso la determinazione di un valore di cut-off specifico.Abbiamo  quindi realizzato una survey-multicentrica nel periodo tra Aprile 2008 e Settembre 2009, arruolando 2688 MSM che hanno accettato di fornire campioni di fluido orale per la ricerca di anticorpi anti-HIV.Di tutti i campioni di fluido orale è stata valutata la concentrazione di IgG totali e 3.5 mg/L sono stati considerati sufficienti per procedere ai tests successivi. Tutti i campioni sono stati analizzati con test EIA e i casi positivi sono stati  sottoposti a conferma con un test rapido immunocromatografico e/o con Western Blot. Risultati:Lo studio di validazione ha evidenziato una completa concordanza tra i campioni di fluido orale e i rispettivi sieri, eccetto che per 4 campioni provenienti da pazienti sieropositivi. Il test EIA Genscreen eseguito su campioni di fluido orale, ha pertanto dimostrato una sensibilità del 98.5% e una specificità del 100% rispetto al siero.Il valore di cut-off calcolato sui controlli del fluido orale  è risultato coincidente col cut-off dei sieri di controllo (media±5DS; 0.2).Ai fini della valutazione statistica di prevalenza della survey, 2535 sono stati i campioni di fluido orale considerati validi. La stima complessiva dell’infezione da HIV tra gli MSM è stata di 196/2535 (7.7%). In particolare i paesi del Sud Europa hanno mostrato una differenza staticamente significativa nella prevalenza dell’ infezione da HIV rispetto ai paesi dell’Est  Europa (12.3% vs 4.4%; p<0.001).Conclusioni:I nostri dati dimostrano che EIA Genscreen condotto sul fluido orale è un test idoneo per la sorveglianza epidemiologica dell’infezione da HIV.L’alta prevalenza di infezione da HIV riscontrata tra gli MSM indica la necessità di un potenziamento delle misure preventive e di controllo dell’epidemia.
HIV; oral fluid; MSM; European survey
Background:MSM account for nearly 40% of all newly diagnosed HIV infections reported in EU in 2008. Since MSM continue to bear a high burden of HIV infection, surveillance data on HIV prevalence among this high risk population are essential for the development and evaluation of HIV control initiatives. The use of oral fluid (OF) has been suggested as an attractive alternative strategy to HIV blood testing for field collection in outreach settings.Objective:This study, involving the participation of seven European countries, was designed primarily to validate a third generation EIA on OF samples from subjects with known HIV serological status and secondly to conduct a European survey for HIV prevalence estimation among MSM from Southern and Eastern countries by means of non-invasive OF sample collection.Methods:On validation study, matched serum and OF samples were collected from both HIV seropositive patients (n=263) and healthy controls (n=235). All samples were analyzed by using Genscreen HIV-1/2 version 2 (BIO-RAD), and procedure was adapted for OF testing by cut-off calculation. A cross sectional-survey was carried out between April 2008 and September 2009, among 2688 MSM accepting to provide OF specimens for HIV antibody testing. A  total IgG quantification test was also performed to ensure that the OF found negative after testing was taken properly.All OF samples were examined using EIA testing and those recording positive EIA results were analyzed for confirmation by a rapid immunocromatographic assay and/or Western Blot. Results: On validation study, all OF sample from HIV positive patients except for 4 samples were positively concordant with serum, whereas a total concordance was found among negative volunteers. This resulted in a sensitivity of 98.5% and a specificity of 100%, when EIA Genscreen was performed on OF samples. We found that cut-off values based on the control sera were also suitable for OF testing (mean±5SD; 0.2). In the multicenter survey, 2535 OF specimens were considered valid for the data analysis. Overall prevalence of antibody to HIV among MSM was 196/2535 (7.7%). A statistically significant difference in HIV prevalence was found between Southern and Eastern European countries (12.3% vs 4.4%; p<0.001).Conclusion: This data indicates that oral fluid based testing is a reliable tool for epidemiological surveillance of HIV infection. High HIV prevalence found among MSM suggests the need for implementation in prevention strategies to control epidemic.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
tesi_Coato_Paola.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 519.1 kB
Formato Adobe PDF
519.1 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/342054
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact