Tra movimento e stasi: polisemia del viaggio in MOSKVA-PETUŠKI di Venedikt Erofeev