"Per visibilia ad invisibilia": percorsi di ontologia in Edith Stein