Un cavaliere dai «sentimenti spiritosi»: Guarini e la scena pastorale veronese tra la seconda metà del Cinquecento e il principio del Seicento