Il lavoro educativo con il bambino con sindrome genetica