Il "Motore immobile" tra teofania e antropologia