Formularità epica e dizione tragica: un caso di scomposizione