Giuseppe Acerbi, le lingue e l'Europa