Il salto in alto e il modello meccanico dell’osservatore