La legittimazione del giudice a quo e il precedente della Corte costituzionale